Cos'è un codec e perché ne avete bisogno

Non riuscite ad aprire un file multimediale? Utilizzare Movavi Video Converter:

  1. Scaricare e lanciare il programma.

  2. Aggiungete il vostro file video, audio o immagine.

  3. Scegliete un formato popolare: MP4, MP3 o JPEG.

  4. Convertire il file.

A cura di Marco Brogiato
11 285

Agli albori di Internet, la velocità in baud era un argomento scottante a causa della lentezza dei download; il trasferimento di file video e audio di grandi dimensioni era quantomeno frustrante e praticamente impossibile per i poveri possessori di modem a 300 o 600 baud. Anche se la velocità di trasferimento è aumentata, la lunghezza e la qualità dei film e dei file musicali sono aumentate, mettendo costantemente a dura prova la capacità del computer, dell'ISP e di Internet nel suo complesso. Da allora sono stati fatti grandi passi avanti e gran parte del merito va a un piccolo strumento chiamato codec. Ma a cosa serve un codec, come funzionano i codec e cosa significa codec?

Una definizione di codec

Come si definisce il codec e cosa significa codec? Codec è l'abbreviazione di "coder/decoder" ed è un programma per computer in grado di comprimere e decomprimere i file multimediali, rendendo possibile il trasferimento di file di grandi dimensioni senza ritardi eccessivi (i file multimediali non compressi possono richiedere fino a cinque volte più tempo per essere scaricati). Tuttavia, questa definizione di codec è piuttosto semplicistica; così come esiste più di un sistema operativo per computer, non dovrebbe sorprendere che esistano più codec tra cui scegliere. Dire semplicemente: "Non riesco a riprodurre il mio file multimediale, quindi ho bisogno di un codec" non risponde alla domanda logica successiva: "Di quale codec ho bisogno?".

Probabilmente si utilizzano già alcuni dei formati codec più comuni, come ad esempio:

  • MP3 - è un formato precoce e ancora comune sviluppato da The Moving Pictures Expert Group (da cui il nome "MPEG", poi abbreviato in MPG prima di approdare a MP3), per i file musicali che supporta più canali audio e definisce bit-rate aggiuntivi.

  • WMA - originariamente sviluppato da Microsoft per Windows Media Player, WMA (Windows Media Audio) funziona sia come formato audio che come codec audio.

  • RealVideo - questa suite di formati di compressione video di RealNetworks è stata la prima ad adattarsi a più sistemi operativi (Windows, Mac, Linux, Solaris e persino alcuni sistemi mobili).

  • RealAudio - un altro prodotto di RealNetworks, questo pacchetto di codec consente agli utenti di comprimere una gamma di formati che vanno dal basso bit-rate (per i modem dial-up) all'alta fedeltà per un'uscita musicale di alta qualità (supporta Android, Microsoft Windows, Linux, macOS, Symbian, Solaris, Palm OS).

  • DivX - questo sviluppatore di codec, DivX, utilizza il nome dell'azienda per il suo prodotto (consolidando in modo intelligente il riconoscimento del nome nell'arena dei codec) e supporta formati di file video come AVI, MKV, HEVC e, naturalmente, DivX.

  • XviD - lo sviluppatore, XviD, offre un codec che vanta un elevato tasso di compressione fino a 200 a 1 (ciò significa che un file da 100 GB può essere ridotto a 500 MB).

Questo non è un elenco completo di codec che comprende tutti i formati di streaming multimediale, videoconferenza, parlato dal vivo, cattura dello schermo e audio/video: ci sono moltissimi altri codec che sono stati sviluppati. Questo ci porta ai pacchetti di codec e alla loro funzione.

Utilizzo dei pacchetti di codec

A volte la scelta migliore è quella di prendere un pacchetto di codec che racchiude una serie di codec diversi in un unico pacchetto. Può sembrare un'esagerazione, dato che vi ritroverete con codec che probabilmente non userete mai, ma vi farà risparmiare tempo e frustrazione nella ricerca di un codec sconosciuto. Di seguito sono riportati alcuni esempi dei più popolari e affidabili pacchetti di codec disponibili oggi:

  • CCCP - abbreviazione di Combined Community Codec Pack, il CCCP è disponibile sia in formato a 32 che a 64 bit, insieme a CCCP Insurgent che scansiona il sistema e identifica i codec installati (e li disabilita se necessario); molti dei codec inclusi funzionano per i file recuperati tramite programmi P2P come BitTorrent.
  • X Codec Pack - garantito come privo di adware e spyware, X Codec Pack supporta i sistemi operativi Windows a 32 e 64 bit e offre un file di dimensioni ridotte per un download veloce, ma comunque ricco della maggior parte dei codec essenziali.
  • K-Lite Codec Pack - gli utenti possono scegliere tra quattro diversi pacchetti K-Lite Codec Pack: il Basic Pack è perfetto per i formati DivX e XviD; lo Standard Pack (il più popolare) copre i formati di file più comuni; il Full Pack offre agli utenti un maggior numero di codec e supporto per la codifica; e il Mega Pack offre l'intero kit, compreso Media Player Classic (solo per Windows).

Come funzionano i codec

Come suggerisce il nome, un codec svolge due funzioni: in primo luogo, comprime le dimensioni del file audio o video e, in secondo luogo, lo decomprime quando necessario. Tutti i codec utilizzano un algoritmo per ridurre le dimensioni dei file con la possibilità di recuperare e visualizzare i dati con una qualità simile a quella della registrazione originale. Tuttavia, ciò non significa che esista un algoritmo "predefinito" per la compressione delle dimensioni dei file; ogni codec utilizza la propria tecnologia per creare l'algoritmo ideale per determinate applicazioni. Inoltre, ogni codec può scegliere di codificare i file con uno dei due metodi: compressione con o senza perdita.

La compressione con perdita funziona rimuovendo i bit di informazione estranei che non influiscono sulla qualità complessiva del contenuto. Ad esempio, un file musicale MP3 può utilizzare la compressione con perdita in modo abbastanza efficace, estraendo suoni che non possono essere uditi dall'orecchio umano e, di conseguenza, incidendo appena sulla qualità del suono complessivo. Un altro esempio è un file immagine JPG; anch'esso elimina le informazioni in eccesso o le converte in un contesto gradevole; ad esempio, un'immagine reale con un cielo completamente blu genererà molti gradienti di blu, ma può essere facilmente ridotta a una o due tonalità di blu. Nella compressione con perdita, l'utente può scegliere l'entità della tecnica di compressione del file, ma una compressione più elevata (con conseguente riduzione delle dimensioni del file) produce contenuti di qualità inferiore; l'utente può ricorrere a tentativi ed errori per determinare la migliore percentuale di compressione mantenendo una qualità accettabile del contenuto.

La compressione senza perdita è orientata più che altro a preservare la qualità dei contenuti, il che significa che le dimensioni dei file non saranno ridotte come quelle della compressione con perdita, ma che nel processo di compressione non vengono eliminati dati preziosi; al contrario, la compressione viene realizzata rimuovendo la ridondanza. Sebbene ciò sembri molto simile alla rimozione dei dati nella compressione con perdita, in realtà i dati vengono convertiti in sottounità logiche. Ecco una spiegazione di come può funzionare la compressione senza perdita.

Si supponga di avere un contenuto con la seguente stringa di caratteri: "aaaaaaabbbccccccddeeeeeeeee" (che corrisponde a una stringa di 7 a in fila, seguite da 3 b, poi 6 c, 2 d e 9 e). La compressione senza perdite convertirebbe queste informazioni in "a7b3c6d2e9" riducendo la stringa da 27 caratteri a soli 10 caratteri (descrive ogni gruppo consecutivo di caratteri con il carattere e il numero di caratteri identici che lo seguono, quindi "a7" equivale a "aaaaaaa"). Il bello della compressione senza perdita è che i dati originali possono sempre essere recuperati e utilizzati quando necessario.

Perché qualcuno dovrebbe voler invertire la compressione di un file di grandi dimensioni? I fotografi professionisti, ad esempio, desiderano che i loro file RAW siano intatti, magari per la stampa professionale di un'immagine di grandi dimensioni, ma vogliono anche condividere un'immagine più piccola e di qualità inferiore sulle loro piattaforme di social media per scopi di marketing. Utilizzando la compressione senza perdita di dati, il lavoro originale può essere presentato in un contesto informale (ad esempio, su Pinterest) e allo stesso tempo può essere modificato in modo dettagliato senza perdere un pixel di dati.

Codec e lettori video

Sebbene i codec siano utili anche al di fuori dei lettori video, i migliori convertitori video ne fanno un uso ottimale, consentendo di convertire i contenuti scaricati in qualsiasi formato. Con Movavi Video Converter è possibile fare molto di più: oltre alla conversione fluida e semplice di video in oltre 180 formati (anche HD), è possibile creare file audio da clip video, catturare immagini dai clip dello schermo preferiti e persino convertire in qualsiasi piattaforma, in qualsiasi formato e in qualsiasi momento.

Oh, e tutte le conoscenze appena acquisite sui codec? Questo (e molto altro) è stato sfruttato al massimo in Movavi Video Converter; sì, i codec di cui avete bisogno per fare tutto questo sono già inclusi!

Domande?

Domande?

Se non riesci a trovare la risposta alla tua domanda, non esitare a contattare il nostro team di supporto.

Iscriviti per ricevere guide pratiche, offerte speciali e suggerimenti sulle app!