Movavi Photo Editor

  • Restauro di immagini con reti neurali

  • Rimozione efficace di oggetti e sfondo

  • Miglioramento automatico delle foto con un solo clic

  • Interfaccia intuitiva con suggerimenti

TIFF vs. JPEG: qual è la differenza?

Marco Brogiato A cura di Marco Brogiato

La differenza tra TIFF e JPEG è evidente in diversi ambiti. Quando si lavora con una foto, sia per modificarla che per pubblicarla online, è necessario sapere come variano i formati di file. In questo modo, si può decidere con quale formato lavorare per ottenere il maggior numero di vantaggi possibile.

La guerra tra TIFF e JPEG può essere difficile da determinare da soli, ed è per questo che vogliamo aiutarvi ad esplorare alcune delle differenze. Il nostro software Movavi Photo Editor può aiutarvi a lavorare con le vostre foto in modo efficace indipendentemente dal tipo di file che volete utilizzare. Tuttavia, ognuno di essi presenta dei vantaggi in base all'uso che se ne fa.

In definitiva, sia il TIFF che il JPEG (talvolta abbreviato in JPG) possono essere file fotografici efficaci. Una volta che si conoscono i dettagli del progetto, si può decidere in quale formato si vuole la foto.

Differenze nei formati di file: JPEG vs. TIFF

Quando si parla di JPEG e TIFF, la differenza più grande che si nota è la dimensione del file. Soprattutto quando si tratta di fotografie ad alta definizione, è necessario prestare attenzione al formato. Un JPEG perderà la compressione per ridurre le dimensioni del file. In questo modo è possibile inviarlo rapidamente via e-mail e caricarlo velocemente online.

Il formato TIFF non viene compresso e offre i vantaggi dell'HD necessari per le foto ad alta risoluzione. Il problema, tuttavia, è che le dimensioni del file sono notevolmente superiori a quelle di un JPEG. Ciò significa che sarà più difficile inviarle via e-mail o caricarle.

Anche le dimensioni possono essere notevoli. Con un JPEG, un'immagine può essere di circa 12 MB. La stessa immagine sarà di circa 100 MB se è un TIFF. Questo può comportare problemi non solo per la condivisione e il caricamento, ma anche per l'archiviazione. Se si conserva la maggior parte delle foto e delle scansioni digitali in formato TIFF, si avrà rapidamente bisogno di un cloud o di uno spazio di archiviazione esterno perché non rimarrà nulla nell'unità di memoria del computer.

Modifica delle foto

Se si desidera un'illuminazione perfetta o si desidera apportare altre regolazioni a una foto, è necessario considerare sia il JPEG che il TIFF. In un TIFF non c'è compressione, quindi tutti i dati acquisiti quando si scatta la foto vengono conservati. Sia che ciò avvenga durante la scansione o lo scatto, si ottengono tutti i dati in modo da poter effettuare le modifiche necessarie.

Sebbene sia ancora possibile modificare in modo considerevole un JPG, la perdita di compressione comporterà anche la perdita di alcuni dati dell'immagine. Questo potrebbe rendere difficile effettuare modifiche significative mantenendo allo stesso tempo un'alta risoluzione.

I tipi di file non sono sempre supportati

È importante verificare quali tipi di file sono supportati in base a ciò che si intende fare con una foto. L'ultima cosa da fare è lavorare su una foto e scoprire che non può essere caricata su un determinato sito. Ad esempio, si può caricare la foto su un sito per stamparla su una maglietta, per creare un poster gigante o per il proprio sito web.

Con Movavi Photo Editor Photo Editor è possibile utilizzare diversi tipi di file, consentendo di mantenere gran parte della compressione e dei dati. È possibile utilizzare l'applicazione con la certezza che il tipo di file sia supportato.

In generale, un JPEG è supportato da un maggior numero di prodotti software e siti web di condivisione di foto. Un TIFF non è supportato da molti siti web a causa delle sue grandi dimensioni.

Utilizzando Movavi Photo Editor che si sa essere supportati, si può ottenere il massimo dai tipi di file. È sufficiente ricordare alcuni dettagli su quali tipi di file sono più adatti.

JPEG

  • Ottimo per le foto online

  • Supporta uno spettro completo di colori

  • Considerato il formato di file universale

  • Dimensioni ridotte dei file

TIFF

  • Ottimo per la modifica delle foto

  • Sono supportati i livelli, la trasparenza e i tag

  • La qualità è preservata

Potrete constatare voi stessi le differenze quando inizierete a modificare le foto, a salvarle e a visualizzarle una volta modificate.

Perché non entrambi?

Quando si esplorano i JPG e i TIFF, non è necessario decidere tra l'uno o l'altro. Si possono avere entrambi. Poiché il TIFF è in grado di memorizzare molti più dati, è questo il file con cui iniziare. Una volta effettuate le modifiche e gli interventi desiderati sulla foto, è possibile salvarla. Poi si può scegliere di salvarla di nuovo, ma questa volta come JPEG.

Ci sono alcuni vantaggi nell'avere due file della stessa foto. Il primo è che si ha un'immagine grezza senza perdita di dati o compressione. In questo modo è possibile apportare tutte le modifiche desiderate senza perdere nulla nel processo. Poi, è possibile avere una versione più piccola, in modo da ottenere la foto modificata senza tutte le dimensioni aggiuntive del file. Il JPG sarà una piccola percentuale del numero di megabyte del TIFF, consentendovi di condividerlo sui social media, inviarlo via e-mail, caricarlo sul vostro sito web e altro ancora.

Grazie all'estensione dei file, sarà possibile tenere traccia di quali foto sono in quale formato. È anche possibile scegliere di separare ulteriormente i file utilizzando delle cartelle. In questo modo, è possibile sapere quali sono stati compressi e quali no.

Inoltre, è possibile creare altri formati di file una volta ottenuta una foto di vostro gradimento. Tra questi vi sono PNG e GIF. Proprio come JPEG e TIFF, tutti questi formati presentano pro e contro da scoprire. Ricordate solo che il TIFF sarà il tipo di file fotografico più grande, ideale per l'utilizzo di software di editing fotografico. Una volta apportate le modifiche, è possibile salvare in qualsiasi tipo di file si desideri.

Iniziare a modificare le foto

È probabile che non abbiate scattato la foto perfetta. Potrebbe esserci qualcosa sullo sfondo che non vi piace. L'immagine non era luminosa come volevate. Qualcuno ha un brufolo che vuole essere rimosso. Il cielo era più nuvoloso del previsto. Qualunque sia il motivo per cui la foto non piace, è possibile utilizzare un editor fotografico per manipolare le foto. In questo modo è possibile aggiungere livelli, testo, trasparenza e molto altro.

Un'immagine TIFF consente di preservare la qualità mentre si manipola la foto. Se si inizia con un JPEG, una volta modificato e salvato, la qualità diminuirà. Se si prevede di modificare continuamente i file, è meglio usare un file TIFF invece di un JPEG.

Man mano che si gioca con i file all'interno di un editor fotografico, si inizieranno a vedere le differenze. Avete semplicemente bisogno di un editor fotografico sofisticato che vi permetta di manipolare le foto per trasformarle nelle migliori immagini possibili.

Comprendendo le differenze, sarà più facile determinare il formato di file più adatto alle proprie esigenze. Potete anche scaricare e installare Movavi Photo Editor oggi stesso. In questo modo, potrete modificare le foto che desiderate per la stampa, la scansione e altro ancora.

Movavi Photo Editor

Migliora facilmente le immagini e ottieni risultati di livello professionale in un attimo.

*La versione gratuita di Movavi Photo Editor ha le seguenti restrizioni: è possibile salvare fino a 10 immagini con filigrana aggiunta, non è possibile acquisire schermate.

Registrati per essere informato su novità e offerte speciali